Dal 1970 Villa Patrizi CID è uno dei più stimati laboratori di analisi privati, accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale e convenzionato con la Regione Lazio.

Certificata UNI EN ISO 9001:2008 dal maggio 2004, è stata tra le prime del settore ad ottenere uno standard di qualità conforme alla norma ISO 9002 sin dal 1988.

Il centro offre alla sua clientela un servizio assolutamente ineccepibile nel campo delle analisi di autoimmunità, biologia molecolare, chimica clinica, dinamica endocrina, genetica, immunologia e microbiologia.

Chimica clinica e immunometria

  • Chimica clinica

    Comprende le analisi considerate di routine per valutare la funzionalità renale, epatica, tiroidea, il metabolismo, le attività enzimatiche, il quadro reumatico, gli stati infiammatori.

    E’ compresa in questo settore la valutazione dello stato coagulativo e l’esame emocromocitometrico che fornisce informazioni su importanti parametri quali globuli bianchi, globuli rossi, emoglobina e piastrine.

  • Immunometria

    Comprende le analisi endocrinologiche, marcatori tumorali, le epatiti, HIV.

Autoimmunità

  • Analisi di base

    Comprende le analisi eseguite principalmente con la tecnica dell’immunofluorescenza, per la ricerca di autoanticorpi rivolti contro i propri componenti cellulari; ad esempio anticorpi anti nucleo, anti muscolo, anti Dna, anticorpi anti piastrine ecc., responsabili di malattie reumatiche infiammatorie come l’artrite reumatoide, le spondiliti, il lupus eritematoso sistemico ecc.

Oncologia

  • Marker tumorali

    I marcatori tumorali sono sostanze, solitamente proteine, che vengono sintetizzate dal tessuto neoplastico o dall’organismo in risposta alla crescita neoplastica.

    Tali sostanze possono essere presenti nell’organismo anche in condizioni diverse dal cancro, ma alcune cellule tumorali le producono in quantità molto superiori alla norma.

    Possono essere utilizzate, insieme ad altri esami e procedure, nella diagnosi di alcuni tipi di cancro così come nella valutazione prognostica, nel monitoraggio dell’efficacia delle terapie antitumorali e per la valutazione di eventuali recidive.

  • Carcinoma ovarico HE4-CA125

    Il carcinoma ovarico rappresenta nella donna la prima tra le neoplasie dell’apparato riproduttivo ed e? al quarto posto tra le cause di morte per tumore nelle donne in tutto il mondo.

    Purtroppo i segni ed i sintomi del carcinoma dell’ovaio sono vaghi e la diagnosi è quindi molto spesso tardiva quando le possibilita? di guarigione sono ormai compromesse.

    Numerosi e recenti studi scientifici hanno dimostrato l’alta efficacia del monitoraggio congiunto dei marcatori HE4-CA125 nella diagnosi precoce del carcinoma ovarico.

    La diagnosi precoce e? un elemento essenziale per ridurre la prognosi infausta e migliorare la qualita? della vita della paziente.

Microbiologia e batteriologia

  • Tamponi

    Comprende le analisi effettuate in vari campioni biologici quali secreto faringeo, nasale, oculare, uricolare, vaginale, uretrale, prostatico, liquido spermatico ed espettorato.

    Le ricerche, qualitative e quantitative, riguardano i principali germi comuni (Streptococco Beta Emolitico, Stafilococco, Eschierica Coli, ecc.), i Miceti, il Gonococco, il Micoplasma, l’Ureaplasma e la Chlamydia; con l’esecuzione dell’Antibiogramma si identificano gli antibiotici efficaci per la cura.

  • Analisi su feci

    Le ricerche, qualitative e quantitative, riguardano germi patogeni quali Salmonella, Shigella, Campylobacter, la ricerca dei parassiti e delle loro uova, dell’Helicobacter Pylori e della Calprotectina fecale.

Citologia

  • Pap test

    Il pap test è l’esame di screening per la prevenzione del carcinoma del collo dell’utero.

    Le cellule del collo dell’utero vengono prelevate con una spatola di legno (spatola di Ayre) sull’orifizio uterino esterno, e con uno spazzolino (cytobrusch) nel canale cervicale.

    Non è un esame doloroso e si deve eseguire una volta ogni anno dall’inizio dell’attività sessuale.

    La durata media è di pochi minuti.

    Per saperne di più clicca qui Non eseguire lavande interne nei 3 giorni precedenti l'esame e non assumere farmaci per via vaginale nei 7 giorni precedenti l’esame. Inoltre al momento dell’esame non deve esserci il flusso mestruale in corso.

  • Pap test fase liquida DiaPrep GYN test

    Il DiaPrep GYN test è il nuovo e più moderno test di screening per la prevenzione del carcinoma del collo dell’utero.
    La differenza con il pap test tradizionale è nella modalità di raccolta del campione.

    Non viene strisciato sul vetrino ma risciacquato e centrifugato in un barattolino che conserva le cellule. In questo modo le cellule vengono meglio conservate in quanto non si aggregano in maniera disordinata. Possono inoltre essere separate da sangue, muco e detriti.

    La durata media è di pochi minuti.

Analisi prenatale non invasiva

  • Bi-test

    Il Bi test (o Duo test) è un esame di diagnosi prenatale, effettuato fra la undicesima e la tredicesima settimana di gravidanza.

    È un esame non invasivo che si esegue per valutare il rischio che il nascituro sia affetto dalla Sindrome di Down e dalla Sindrome di Edwards-Patau.

    Oltre all’ecografia ostetrica si esegue un semplice prelievo del sangue materno per il dosaggio di due ormoni: Free beta-HCG (frazione libera della Gonadotropina Corionica) e PAPP-A (proteina A plasmatica associata alla gravidanza).

    I risultati dei dosaggi vengono poi uniti alle informazioni dell’ecografia ostetrica (traslucenza nucale e CRL) e ad alcuni dati materni.

  • PrenatalSafe test

    PrenatalSafe è un esame prenatale non invasivo per lo screening in gravidanza di anomalie cromosomiche fetali.

    Analizzando il DNA fetale libero circolante isolato da un campione di sangue materno, valuta la presenza di aneuploidie fetali comuni in gravidanza, quali quelle relative al cromosoma 21 (Sindrome di Down), al cromosoma 18 (Sindrome di Edwards), al cromosoma 13 (Sindrome di Patau) e dei cromosomi sessuali (X e Y), quali per esempio la Sindrome di Turner o Monosomia del cromosoma X.

    Per saperne di più clicca qui

  • Genescreen

    GeneScreen è un test diagnostico che permette di eseguire un’analisi multipla di oltre 700 malattie genetiche ereditarie, tra cui quelle più frequenti nella popolazione italiana, come la Fibrosi Cistica, l’Anemia Falciforme, la Talassemia, la Sordità Ereditaria.
    GeneScreen consente alla coppia di conoscere, attraverso l’analisi del loro DNA, se si è portatori di gravi malattie genetiche.

    Il test, quindi, permette di identificare le coppie a rischio di trasmettere ai loro figli una specifica malattia genetica.

    Per saperne di più clicca qui